giovedì, 21, novembre, 2019
Cerca velocemente news, recensioni, guide, app, giochi ...
Home » News » Conversazioni Whatsapp spiate, Facebook fa causa ma Whatsapp non è sicuro

Conversazioni Whatsapp spiate, Facebook fa causa ma Whatsapp non è sicuro

Facebook ha fatto causa ad una società di cybersicurezza israeliana Nso Group.

L’accusa è quella di aver aiutato il governo israeliano a spiare le conversazioni di WhatsApp negli smartphone di 1.400 persone.

tra gli utenti spiati troviamo diplomatici, giornalisti, dissidenti e funzionari governativi.

La causa di Facebook è una specie di ammissione da parte della piattaforma che ammette indirettamente di non essere in grado di garantire la sicurezza delle conversazioni e la privacy dei suoi utenti.

Nel particolare, lo spionaggio avveniva attraverso un software spia installato sullo smartphone degli utenti.

La causa è stata presentata alla corte federale di San Francisco.

L’azienda di Zuckerberg sostiene che sia stata utilizzata una dalla di WhatsApp per entrare nei messaggi, crittografati per garantire la sicurezza.

NSO “Ha preso di mira almeno un centinaio di difensori dei diritti umani, giornalisti e altri membri della società civile in tutto il mondo”, scrive Will Cathart, alla guida di WhatsApp.


La notizia è molto negativa anche per l’azienda stessa.

Le app infatti, non dovrebbero avere falle e, soprattutto, le aziende che le producono dovrebbero lavorare in modo più completo alla sicurezza di ciò che immettono sul mercato, senza promettere una privacy che non viene poi garantita.

La Nso, non ha negato il suo hacking di WhatsApp.

La compagnia contesta però le accuse e si dice pronta a “combatterle con vigore”.

“L’unico scopo di Nso è di fornire tecnologia ad agenzie di intelligence e forze dell’ordine autorizzate, per aiutare a combattere terrorismo e reati gravi”, ha commentato l’azienda.

Una notizia che mostra quanto Whatsapp e tutto l’universo Facebook sia di fatto fragile e facilmente hackerabile con software che, presto, potrebbero diffondersi sulla rete.

Come sempre, il consiglio è quello di non trattare mai dati personali e dati bancari o password sui social di qualsiasi genere, realtà troppo fragili per garantire una vera protezione.


Loading...

Guarda anche

Il virus mp4 di Whatsapp

La sicurezza di Whatsapp potrebbe essere compromessa da un file Mp4. Si tratta di un …

Addio ai mi piace, Facebook e Instagram cambiano rotta

Facebook e Instagram si preparano a dire addio ai “Mi Piace”. Il famoso cuoricino e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *