giovedì, 1, Dicembre, 2022
Cerca velocemente news, recensioni, guide, app, giochi ...
Home » App » Chrome permette di eseguire app Android su Windows, OS X e Linux

Chrome permette di eseguire app Android su Windows, OS X e Linux

Chrome di Google permetterà di eseguire app Android su computer Windows, OS X e Linux, tutto questo grazie al progetto ARC Welder, un insieme di strumenti che permette la traduzione da un ecosistema all’altro.

ARC Welder

Il progetto ARC Welder, introdotto per pochi lo scorso autunno da Google e oggi accessibile a tutti, fa avanzare il processo di convergenza tra l’ecosistema Android e quello di Chrome facendo un bel passo in avanti. Permette, in sostanza, permette di eseguire app Android su Windows, OS X e Linux all’interno del suo browser Chrome app dedicate a smartphone e tablet in modo molto semplice.

In pratica, gli utenti possono lanciare app e game disponibili su Google Play per provarli sul  monitor del PC interagendo con tastiera e mouse. L’unica cosa necessaria è il file APK dell’app e l’estensione ARC Welder da scaricare gratuitamente su Chrome Web Store. E’ necessaria naturalmente, anche una versione aggiornata di Chrome (quelle dalla 40 in poi sono tutte compatibili) per Windows, Linux, OS X o Chrome OS.

La nuova funzionalità è destinata principalmente agli sviluppatori, ma chiunque può provarla con ARC Welder, accogliendo su PC le app sfruttate finora soltanto sugli schermi touchscreen. Ci sono dei limiti: si può eseguire un solo APK per volta e, in fase di avvio, bisogna optare tra la modalità verticale e quella orizzontale cioè tra l’interfaccia usata per gli smartphone e quella destinata agli schermi dei tablet.


Il progetto ARC Welder è basato su Android 4.4 KitKat e questo permette a molte app di funzionare subito e senza difficoltà come per esempio Facebook, Flipboard e Twitter. E’ curioso notare che invece, proprio alcune app di Google danno problemi associati al supporto Play Services, come nel caso di Gmail e dello stesso Chrome. Sembra paradossale ma è così.

Il supporto di Chrome è ancora incompleto (è ancora una versione beta) e molte app si bloccano proprio per questo motivo ma certi servizi Google (autenticazione e Api relative a giochi, pubblicità, localizzazione, mappe, sicurezza e fitness) sono già attivi. Per ora sono portabili solo app abbastanza semplici, che non devono interagire con altri servizi o funzionalità avanzate dei device. Poche, in realtà, sono le app che hanno questi requisiti ma senz’altro è un primo passo importante quello di Big G.

La tecnologia appena introdotta da Google rende Chrome una piattaforma di sviluppo su cui far funzionare software che potranno essere poi trasferiti su altri sistemi operativi.L’obiettivo del progetto è di combinare l’esperienza touch e le funzionalità tipiche dell’universo mobile con la solidità del computer desktop e laptop, in attesa dell’annuncio di altre Api da Google Play Services.


Guarda anche

Windows 11 Android

Windows 11 permetterà di utilizzare delle app Android

Nel corso della presentazione di Window 11, Microsft ha mostrato una caratteristica davvero particolare. A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *