mercoledì, 24, Febbraio, 2021
Cerca velocemente news, recensioni, guide, app, giochi ...
Home » News » Robin, lo smartphone Android basato su cloud libera-spazio

Robin, lo smartphone Android basato su cloud libera-spazio

Con Robin, la NexBit annuncia il primo smartphone al mondo totalmente basato su cloud, caratterizzato da 100 GB di spazio di archiviazione online gratis, insieme a 32 GB di storage interno.

The-NextBit-Robin

Spieghiamo meglio di che si tratta. Il cloud è integrato nel sistema operativo Android 5.1 Lollipop e grazie a Robin salvare contenuti online risulta immediato e facile. Robin può, così, archiviare i file ma anche le risorse delle applicazioni che non usate direttamente in rete e le ripristina solo quando serve. Il suo è un sistema di backup intelligente. Il backup dei dati è automatico tramite Wi-Fi ed è possibile configurare il salvataggio in 3G. La particolarità dello smartphone NexBit Robin sta nel fatto di poter gestire autonomamente la memoria interna disponibile spostando i file da questa al cloud in base alle necessità.

Con Robin, in sostanza, non ci sarà bisogno di alcun lettore microSD, l’utente avrà uno spazio iniziale di 100 GB (che NexBit ha intenzione di espandere senza costi aggiuntivi) sul proprio servizio cloud e sfrutterà una versione Android sviluppata per ottimizzare lo spazio locale offerto. Il supporto intelligente offerto da Robin sarà questo: rilevare le App che non usate da un po’ o brani, foto e video accantonati da tempo e spostarli automaticamente sul cloud mantenendo al loro posto (in colore grigio) le relative icone. Quando servirà li recupererà.

Robin The smarter smartphone


Ha un design semplice e pulito, una configurazione che ricorda quella di LG G4. Robin arriva con un display IPS da 5.2 pollici full HD con risoluzione 1080 x 1920 pixel, un processore Qualcomm Snapdragon 808 supportato da 3 GB di memoria RAM e un comparto fotografico costituito da una fotocamera posteriore da 13 MP con autofocus a rilevamento di fase, supporto RAW e flash a doppio tono e una fotocamera frontale da 5 MP.

Sono presenti altoparlanti stereo frontali e uno scanner d’impronte digitali integrato nel tasto di accensione al lato destro. L’alimentazione è data da una batteria da 2680 mAh con supporto alla ricarica rapida. Caratteristiche di connettività: Bluetooth 4.0 LE, Wi-Fi a / b / g / n / ac, NFC. Robin è una creatura di NexBit, azienda fondata da ex dirigenti di Google (Tom Moss e Mike Chan) e da Scott Croyle, ex capo design di HTC. Arriverà con a bordo Android 5.1 Lollipop o forse ce la farà ad integrare la versione 6.0 Marshmallow. Vedremo.

Robin - specifiche

E’ possibile richiederlo in pre-ordine sul popolare sito di crowdfunding  Kickstarter al prezzo di 299 dollari per un numero limitato di 1.000 pezzi in due colorazioni (mint e midnight) e la consegna è prevista per gennaio 2016. Al dettaglio lo smartphone costerà invece 399 dollari. Un ottimo rapporto qualità/prezzo considerando che si tratta di uno smartphone di fascia medio-alta. La startup ha già raggiunto 115.000 dei 500.000 preventivati e sicuramente vedrà la luce entro il 1 ottobre. Potrete seguire l’andamento del crowdfunding a questo indirizzo

Vi lasciamo al video di presentazione di NexBit Robin


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *