venerdì, 19, luglio, 2019
Cerca velocemente news, recensioni, guide, app, giochi ...
Home » App » Brave Ads il browser che paga gli utenti per vedere le pubblicità

Brave Ads il browser che paga gli utenti per vedere le pubblicità

Negli ultimi tempi sempre più siti web hanno preso a bloccare le visite che rivelano adblock.

Un braccio di ferro senza fine tra utenti stufi di ads troppo invasivi e siti che necessitano di un qualche tipo di supporto per restare in piedi.

Da un lato alcuni ads sono diventati davvero irritanti e ci spingono ad abbandonare le testate che seguiamo.

Dall’altro i siti hanno bisogno di denaro per restare aperti e continuare ad offrire il servizio che danno.

Ecco che in questo panorama sorgono browser come il recente Brave, strumento gratuito che protegge la privacy degli utenti e blocca tutti gli ads che incontra.

Brave è diventato rapidamente famoso e se ne esce fuori con una novità senza precedenti: Brave Ads, un’estensione scaricabile che permette di guadagnare denaro virtuale visualizzando alcuni ads.

L’idea di brave potrebbe porre fine alla lotta costante tra utenti e creatori di contenuti, riportando il web a una situazione precedente dove siti e blog potevano guadagnare dalle visualizzazioni senza adblock e altri strumenti.


Brave Ads permette infatti di guadagnare BAT, una moneta virtuale simile a bit coin visualizzando due ads all’ora.

Una situazione che unisce produttore e utente e potrebbe far tornare l’era degli ads meno invasivi e più etici.

Ecco quindi che l’idea di Brave Ads, al momento non disponibile nel nostro paese, potrebbe diventare un trend capace di far drizzare le orecchie di Google e degli altri.

Nota di merito va alla suddivisione.

Brave Ads devolve infatti il 70% del guadagno all’utente e il 30% al produttore dell’ad.

In poche parole l’utente viene premiato, il padrone del sito ha invece la possibilità di mostrare i suoi sponsor e utenti finalmente desiderosi di vederlo.

Un compromesso che non è affatto male ed è destinato a cambiare le cose.

Staremo a vedere se Brave Ads si diffonderà assieme all’interessante browser e se arriveranno i primi emuli.


Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *