mercoledì, 1, Aprile, 2020
Cerca velocemente news, recensioni, guide, app, giochi ...
Home » Android » Agent Smith, il malware che ha infettato Android

Agent Smith, il malware che ha infettato Android

Secondo i ricercatori, un Malware che prende il nome di Agent Smith, avrebbe infettato almeno 25 milioni di dispositivi Android.

Agent Smith, che prende il nome dall’agente ribelle di Matrix, colpisce i device basati su Android 7 e versioni successive, nascondendosi all’interno di app scaricate su store non ufficiali.

Nel particolare Agent Smith, si “traveste” da app ufficiale ed è proprio in questo modo che rimane nascosto agli occhi degli utenti.

La app mostra annunci pubblicitari ma può essere sfruttata anche per sottrarre dati e informazioni.
Buona parte delle segnalazione arrivano dall’Asia, Agent Smith sarebbe però stato rilevato anche in paesi come USA e Inghilterra.

Il numero di device infettati è impressionante e potrebbe salire adesso che Agent Smith è stato scoperto.

La particolarità di Agent Smith è quella di inserire file dannosi mentre scarichiamo altre App.

Proprio come avviene in Matrix, il virus prende le sembianze di altre applicazioni, infettandole e trasformandole in nuovi agenti.


Questo avviene però senza che ce ne rendiamo conto, lasciandoci quindi utilizzare a nostra insaputa applicazioni infette.

Un altro caso di infezione di massa, divenuta ormai una quotidianità nel mondo Android.

La diffusione del sistema operativo, e la semplicità dell’elaborazione di strumenti capaci di sfruttare le falle dell’OS Google hanno reso Android uno dei luoghi virtuali preferiti per gli hacker che utilizzano la piattaforma per diffondere malware, cryptominer e tutto ciò che concerne il mondo del cybercrimine.

Agent Smith è uno dei tanti pericoli nascosti in particolare negli store non ufficiali.

Purtroppo però, anche il Googe Play Store inizia a mostrare i primi problemi, negli ultimi anni infatti è stato spesso protagonista della diffusione massiccia di virus e prodotti nocivi, nascosti all’interno delle app e non rilevati dalla compagnia di Mountain View.

Come sempre diffidare delle app rimane la cosa migliore.

Se volete restare sicuri, scaricate solo le applicazioni più note e quelle dei grandi brand che non vi garantiranno la privacy, ma almeno non contengono virus… per ora.


Guarda anche

Più sicurezza sul Google Play Store con la Advanced Protection

Google passa alla protezione, dopo le innumerevoli falle che hanno caratterizzato il Google Play Store. La …

Ecco come Facebook spia gli utenti

Facebook avrebbe trovato una nuova strategia per spiare gli utenti senza violare particolari regole e in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *